Fërvaje dla sapiensa ëd mè nòno

Fërvaje dla sapiensa ëd mè nòno, ël pà ‘d mia mare, quand che a mi gòrba i t’ëm dasie la man, e i t’ëm contave le toe stòrie…….. Briciole della sapienza di mio nonno, il padre di mia madre, quando bambino mi davi la mano e mi raccontavi le tue storie:

A venta nen serché ‘d capì na fomna. Le fomne a son dle figure, ij òmini a son dij problema. Së veule savèj che còsa na fomna an efet a pensa (ël che an tute le manere a l’é sèmper danos) vard-la, scot-la pa…. Non bisogna mai cercare di capire una donna. Le donne sono delle immagini; gli uomini sono dei problemi. Se vuoi sapere che cosa una donna veramente intenda (il che comunque è sempre pericoloso) guardala, non ascoltarla.

Ël prim òm ëd bon umor a l’era col òm preistòrich che antant ch’a batìa con violensa ‘l nemis a rija com un fòl….. Il primo uomo dotato di umorismo è stato quel tizio preistorico che, randellando violentemente il nemico, rideva a crepapelle

Chi a veul vive e sté bin – ch’a pija ‘l mond com ch’a ven…. Chi vuol vivere e star bene, prenda il mondo come viene

A basta nen amprende a lese e a scrive për amprende a vive…. Non basta imparare a leggere e scrivere per imparare a vivere.

A venta nen déje n’escopass a tute le mosche ch’a passo…. Letteralmente Non bisogna dare una sberla a tutte le mosche che passano. Occorre avere un po’ di tolleranza e non reagire male per ogni nonnulla.

Furb parèj ‘d Griboja ch’a stërmava ij sòld ant la sacòcia d’jautri (për nen ch’a i ròbo)….. Furbo come Griboja che nascondeva i soldi nelle tasche altrui (per non farseli rubare).

Ël cafè a dev esse càud coma l’infern, pur coma l’àngel, doss coma l’amor e nèir coma ‘l diav….. Il caffè deve essere caldo come l’inferno, puro come l’angelo, dolce come l’amore e nero come il diavolo.

Le fomne a dijo sempre la vrità, ma a la dijo mach a metà…..Le donne dicono sempre la verità. Ma la dicono a metà.

S’as peul nen fé com as veul – as fa com as peul…..Se non si può fare come si vuole, si fa come si può.

La vrità as sa mach dai cioch e dai masnà…..La verità si sa soltanto dagli ubriachi e dai bambini

Chi ch’a l’ha ‘l cassul an man, a lo toira com a veul….Chi ha il mestolo in mano, lo gira come vuole. (Chi ha il potere fa come vuole)

A esse galantòm as diventa pa sgnor…. A esser galantuomo non si arricchisce.

Al dì d’ancheuj i soma tuti ansì tirà che j’uniche ròbe piasose da spende a son ij compliment….. Al giorno d’oggi siamo tutti così tirati che le uniche cose gradevoli da spendere sono i complimenti.

Apres ël mariagi òmo e dòna a divento com le doe face ‘d l’istessa moneda, as vëddo pa, ma a stan ansema….. Dopo il matrimonio marito e moglie diventano come le due facce della stessa moneta; non possono vedersi, però stanno insieme.

Gòj për na fomna a l’é avej n’òm për man, arcordand che ‘d man a na doe… Felicità per una donna è avere un uomo per mano, ricordando che di mani ne ha due.

Le fomne a son ròbe da nen chërde: a veulo bin ‘a j pròpi òm fin-a a la mira che për nen frusteje a dòvro coj ‘d j’amise…. Le donne sono incredibili: amano i propri mariti al punto che per non consumarli usano quelli delle amiche.

Chi ch’a nass pòver e brut a l’ha bon-e possibilità che chërsend a se svilupo tute doe le còse… Chi nasce povero e brutto ha buone possibilità che, crescendo, si sviluppino entrambe le condizioni.

Se mi it dago na moneda e ti ëm na das una a mi, tuti doi i l’oma na moneda. Se mi it dago n’idèja e ti ëm na das una a mi, ognidun ëd noi a l’ha doe idèje…. Se io do una moneta a te, e tu ne dai una a me, ognuno di noi ha una moneta. Se io do un’idea a te, e tu ne dai una a me, ognuno di noi ha due idee.

La vita a l’é ‘n mar ëd pàuta spusolenta dont noi i novoma, e i son coj ch’as diverto fin-a a fé le onde… La vita è un mare di fango puzzolente in cui nuotiamo. E ci sono quelli che si divertono anche a fare le onde

S’it veule bon-a companìa, va ‘nsema a gent ch’a të smija…. Se vuoi buona compagnia, va con gente che ti somigli.

As peul pensé lòn ch’as veul, ma as peul pa dì lon ch’as veul…. Si può pensare quello che si vuole, ma non si può dire quello che si vuole.

Con pòch as viv, con gnente as meuir…. Con poco si vive, con niente si muore.

La fomna, le s-ciòp e ‘l can as prësto pa a gnun….. La moglie, lo schioppo e il cane non si prestano a nessuno.

Chi veul ten-e n’amis, ch’a varda tre còse: ch’a l’onora ‘n presensa, ch’a ‘l lauda ‘n assensa, ch’a ‘l giuta ‘n tij bzògn….. Chi vuol conservare un amico, osservi tre cose: l’onori in presenza, lo lodi in assenza, l’aiuti nei bisogni.

L’amis a l’é pa conòssù fin-a quand l’é pa perdù……. L’amico non è conosciuto sin quando non è perduto.

A l’é mej ‘n tòch ëd pan an pas che sent pitanse an rusand…… E’ meglio un pezzo di pane in pace che cento pietanze litigando.

Për savèj la vrità a venta sente doi busiard…… Per sapere la verità bisogna sentire due bugiardi.

Ël mal a ven an pressa e va via adasi…… Il male arriva rapidamente e va via adagio.

Un bicer ëd vin e ‘l sol ch’a splend ant ël cel a gavo ij sagrin….. Un bicchiere di vino e il sole che splende nel cielo eliminano i dispiaceri.

Se ij spos a vivèisso pa ansema, ij bon sposalissi a sarìo pì frequent…. Se i coniugi non vivessero insieme, i buoni matrimoni sarebbero più frequenti.

La speransa a l’é na bona colassion, ma na grama sin-a…… La speranza è un’ottima colazione, ma una pessima cena.

La còsa pì dificila a l’é capì përchè a l’é vorusse bin a na fomna che ora as veul pa pì……. La cosa più difficile è capire perchè si è amata una donna che non si ama più.

A s-ampara pì sovens da ij sgnor a fé ‘l pitòch….. S’impara spesso dai ricchi a fare il pitocco.

Na còsa dificila a l’é conòsse pròpi mi….. Una cosa difficile è conoscere me stesso.

La circostansa a peul fé vnì coragios fin-a ‘l pauros……. La circostanza può far diventare coraggioso anche il pauroso.

La fam a l’é na presensa fissa ant la ca dij plandron….. La fame è ospite fissa nella casa dell’uomo pigro.

L’òm a l’é sèmper brav e amàbil, quand a l’é content…… L’uomo è sempre buono e amabile, quando è felice.

Ël temp ch’a rend pì fòrta l’amicissia, anfiachiss ël bin….. Il tempo che rende più forte l’amicizia, indebolisce l’amore.

Quand ch’a nasso a son tuti bej, quand ch’as mario a son tuti sgnor, quand ch’a meuiro a son tuti brav….. Quando nascono son tutti belli, quando si sposano son tutti signori, quando muoiono son tutti bravi.

Sàuta ‘n past e fa l’àutr leger e ‘t vivras bin për da bon…… Salta un pasto e fai l’altro leggero e vivrai bene per davvero.

Chi a veul vive san e lest, ch’a mangia pòch e ch’a sin-a prèst…. Chi vuol vivere sano e lesto, mangi poco e ceni presto.

Ël formagg a fa bin quand a ven dàit da na man pitòca…... Il formaggio fa bene, quando viene dato da mano avara.

Mangé pòch a l’é la prima meisin-a…….. Mangiar poco è la prima medicina.

Val ëd pì ‘n bon seugn che ‘n bon bocon…. Vale di più un buon sonno che un buon boccone.

Chi va a deurme prèst e s’aussa bonora a manda ‘l dotor an malora….. Chi va a letto presto e si alza di buonora, manda il medico in malora.

Sol ëd mars, aria ‘d filura, drit a sepoltura…… Sole di marzo, aria di fessura, diritto a sepoltura.

La pì bon-a meisin-a për ij dent a l’é ‘l dentista….. La migliore medicina per i denti è il dentista.

Për sté bin a venta savèjse manten-e ocupà e anteressà a tute le còse….. Per stare sani occorre sapersi mantenere occupati ed interessati a qualsiasi cosa

Un bon bicer ëd vin a fà passé tuti ij sagrin….. Un buon bicchiere di vino fa passare tutti i crucci.

An mancansa dij cavaj j’aso a tròto……In mancanza dei cavalli trottano gli asini.

La cossiensa a l’é parèj dël gatij, chi a lo sent, chi a lo sent pa……..La coscienza è come il solletico, chi lo sente e chi non lo sente.

Le intemperanse dij golos a slongo ël pas a la mòrt……..Le intemperanze dei golosi accorciano la vita.

A-i-é nen autar sensa cros………...Non c’è altare senza croce.

Un nemis a l’é tròp e sent amis a basto nen………….Un nemico è già di troppo e cento amici non bastano.

Chi a l’ha ‘n mësté për le man, a-j manca nen ël pan………A chi ha un mestiere in mano non manca il pane.

Chi a vint ani a sà pa, a tranta a fà pa e aso për sèmper sarà…….Chi a vent’anni non sa, a trenta non fa e sempre asino sarà.

La vesta a fà nen ël prèive………...Non è l’abito che fa il prete.

Na grama lavandera treuva mai la bon-a pera……..Una cattiva lavandaia non trova mai la pietra giusta.

Tuti ij can a bogio la coa e tuti ij cojon a veulo dì la soa…….Tutti i cani muovono la coda e tutti gli sciocchi voglion dire la loro.

Tuti ij maj a l’han soa scusa…… Ogni male a la sua scusa.

La speransa a l’é ‘l pan dij pòver……….. La speranza è il pane dei poveri.

Tre fije e na mare, quatr diav për un pare……...Tre figlie e una madre, quattro diavoli per un padre.

Deurme tròp a scursa la vita…….. Dormir troppo accorcia la vita.

Ai gat vej a-j pias ij ratin giovo……..Ai gatti vecchi piacciono i topi giovani.

A venta nen canté quand j’autri a pioro……..Non bisogna cantare quando gli altri piangono.

A s-ciairo ‘d pì quatr euj che doi…….. Vedono meglio quattro occhi che due.

Andova a j’é nen malissia, a j’é nen pecà……...Dove non c’è malizia non c’è peccato.

Fidte dla vipra, dla volp e dël luv, ma pa dla dòna con ël cul bass……. Fidati della vipera, della volpe e del lupo, ma non della donna col sedere basso (il carattere sarebbe legato alla conformazione fisica)

Avèj ël pare pòver l’é pa ‘n disonor, ma avèj ël mëssé pòver l’é pa da drito…….Avere il padre povero non è un disonore, ma avere il suocero povero non è da furbi

Për rije na vòlta

La mare: “A l’ha sentù come ch’a son-a bin mia fija? E ch’a pensa a fà ëdcò parej da mangé!” Ël fidansà: “A-j fa nen, androma a mangé fòra….” La madre: “Ha sentito come suona bene mia figlia? E pensi che fa anche così da mangiare!” Il fidanzato: “Non importa, andremo a mangiar fuori….”

Nèh che gòj, che piasì ste fërvaje dla sapiensa ëd mè nòno. Ciàu arvèisse

Gian dij Cordòla 10-02-2012