Ël Coindo

Questa poesia ha partecipato al Concorso Letterario “PAROLE E COLORI DELLA VALSUSA” indetto dall’Associazione Culturale Sillabe di Sale, Comune di Condove e Biblioteca di Condove dell’anno 2013, nella sezione poesie in lingua piemontese, classificandosi al 3° posto.

La medaglia del 3° classificato

Ël Coindo¹

 

Spasgiand a la fin ëd l’istà

i ciapo la stra ch’a men-a a la borgà dij mè vej

arcòrd ëd temp giumai passà.

 

Ma varda che spetacol ël Coindo¹ d’otogn

miraco nen tuti lo conòsso

a smija na cartolin-a dai mila color.

 

Da tute ‘l part a j’é ‘d color sfumà

dal verd al ross groson con ponte d’òr

sota ij pé a j’é com’un tapiss ëd feuje sfrisà.

 

An cost gieugh ëd lus e ombre

j’oslin a canto la lor canson,

l’aria dossa a sopata ij castagné.

 

A-j manca gnente për esse bel,

fussa pà che le ca son veuide, abandonà,

pì gnanca ij crij ‘d na masnà ò giojos rabel.

 

Setà sota na gasia vardand ël bianch dle nìvole

a më smija d’artrové col mond vej

ëd mè pare e ‘d mia mare

 

Quand masnà am dasìo la man,

e am mnavo për senté e pra ‘d amprende

a vive con la natura e vardé al doman.

 

Ora i buto da part ij arnos pensé,

ël sol a ven malavi, i torno a ca

a godme ‘l tesòr d’arcòrd ardità dai mè.

 

Gian dij Cordòla

 ¹ Coindo borgata montana del Comune di Condove

 

 

TRADUZIONE IN ITALIANO

 

Il Coindo¹

 

Passeggiando alla fine dell’estate

prendo la strada che porta alla borgata dei miei vecchi

ricordo di tempi ormai passati.

 

Ma guarda che spettacolo il Coindo d’autunno

forse non tutti lo conoscono

sembra una cartolina dai mille colori.

 

Da tutte le parti c’è colori sfumati

dal verde al rosso arancio con punte d’oro

sotto i piedi c’è come un tappeto di foglie sminuzzate.

 

In questo gioco di luci ed ombre

gli uccellini cantano la loro canzone

l’aria dolce scuote i castagni.

 

Non manca niente per essere bello

non fosse che le case son vuote abbandonate

neanche più le grida di un bimbo o gioioso frastuono.

 

Seduto ai piedi di un’acacia guardando il bianco delle nuvole

mi sembra di ritrovare quel mondo vecchio

di mio padre e mia madre.

 

Quando piccolo mi davano la mano

e mi portavano per sentieri e prati ad imparare

a vivere con la natura e guardare al domani.

 

Adesso metto da parte i tristi pensieri

il sole va calando, torno a casa

a godermi i tesori di ricordi ereditati dai miei.

 

Gianni Cordola

 ¹ Coindo borgata montana del Comune di Condove

 

Attestato di partecipazione e medaglia