Na giornà con nòno a Pabotrì

Veuj conteve na bela gira fàita con mia mama quand ch’i j’era gagno. Varda-si coma!

A l’era na matin-a dl’istà 1956 al borgh dij Fiori ëd Condòve, ‘l sol as alvava bonora ma mi masnà ‘d neuv agn i deurmìa ancora e mama ancamin-a a ciameme crijand: Gianniiii, dësvijte, dësgaj-te, lav-te la facia, fà colassion an pressa e peui andoma a trové ‘l nòno. Sauto giù dal let ëd corsa svicc coma ‘n levròt, i son pròpi content d’andé da nòno. Am piass da mat ël nòno, a l’é sèmper alégher e pien ëd bonimor, a l’ha dij gròs barbis nèir, na sigala an boca e ‘m dà sèmper vint ò tranta lire. A lo ciamo tuti “Batìta dou Ieùn” e a stà a Pabotrì¹, un-a dle pì bele borgà ‘d Condòve, pròpi tacà la capela. Lo sai che tuti ij pais a son bej, ma sì a-j stà mè nòno, alora col-sì a l’é ‘n pò pì bel dij àutri.

Da Condòve pian pianòt con mama an faso na gran bela spassëggiada su për la montagna; intrand ant ij castagné i travërsoma ij Breri, ‘l Sijò, ël Lajett e già bela con la lenga fòra i rivo a vëdde le prime ca ‘d Pabotrì. I son pròpi strach, ma na vos am fa aussé lë sguard, a l’é nòno con cola facia anluminà da doi euj lusent e ‘l sò soris sota ij barbis.

Che gòj për nòno vëdme, am pijava come gnente, am tirava su e a finìa pì ‘d basoteme peui a l’é butase a ciaciaré con mama dle neuve d’aval antant che mi i gieugava a vardé le furmie ‘n fila indian-a arlongh al bion ëd na pianta. Dòp nòno am ciama “ven a vëdde le avije”. Avzin a la ca a j’é na desen-a ‘d cite casòte ‘d bòsch e na nuvola d’avije dantorn ch’am fasìo por, ma nòno am dis “bogia pa e le avije ‘d lasso sté”. An col moment a passa n’òm ëd na borgà vzin-a con na facia sagrinà e nòno am dis “cola person-a lì a l’é pa stàita basà dla fortun-a, già orfanel a l’é chërsù ‘n pò sì pò là, peui a l’é mariasse e la fomna a meuir durant ël part con ël cit ch’a spetava, e a l’é ancora nen finìa, antant ch’a l’era ‘n pastura ‘n di ch’a pieuvìa na lòsna a ciapa la soa vaca; …. eh contacc ….a l’é pròpi vera, a chi nass dësgrassià a ‘j pieuv sël cul bela da setà”. Ël povròm a l’era passà e i diso a nòno “contme na bela stòria”, e chiel a partìa con “j’era na volta na volp e ‘n can……..”, a l’era sèmper cola stòria lì ma ‘m piasìa scotela. Ël temp a cor come ‘l vent, a l’é press che mesdì e mama che antant a l’avìa prontà ‘l disné an ciama a tàula. A me spetava ‘n bel fricandò, na bela toma stagionà e da bèive dla bon-a eva ‘d sorgiss. Nòno col pinton an man a s’ampiniss ël bicer ëd vin e bèivend a dis che parèj as digeriss e as gavo ij sagrin; mi son butame a rìje. I devo conté ëd cola vòlta che ant la piòla ‘d Gildo dël Lajett, mè nòno për vëdde se ‘l vin a l’é bon ò mës-cià con l’eva a pija n’òss ëd persi bin sèch, lo taja an mes e rìjand sota ij barbis a lo buta ant ël vin disend “se a j’é dl’eva a va a fond e peui a torna su, se a j’é pà dl’eva a stà sël fond”, ant la cantin-a tuti a ghignavo. Ël dòp-disné mentre nòno a s’arposava ‘n moment, noi i soma andàit a vëdde lì vzin se a j’ero ‘n ca magna Gasprin-a e bàrba Tonin (seur e frel ëd mama). Magna Gasprin-a a l’era montà su a l’arp e a calava giù mach la dumìnica, al contrari bàrba Tonin a l’era pen-a torna dal Lajett. “Ma ti it ses Gianni, ‘l pì cit dij fieuj ‘d Pin-a, come it ses vnì grand” a l’ha ditme ambrassadme. Eh bàrba Tonin a l’era ‘n tipo pròpi ‘n piòta e brav , am fasìa rìje a chërpa-pansa tant ch’i j’era gnanca pì bon a tiré ‘l fià. Dòp i son tornà da nòno ch’a la mname për camp e pra a vardé la blëssa dla natura. Vers sinch ore j’era già pront për torné a ca, i l’hai ambrassa nòno e chiel dal sacocin a l’ha tirà fora na moneda ‘d 50 lire. I finìa pì nen ëd ringrassie-lo e ‘n pò magonà l’hai pià la stra ‘d ca con mama. A l’é stàita pròpi na bela giornà ch’a l’ha ampinime ël cheur ëd gòj. D’anlora a son passa 57 ani, a son passà come ant un gnente, l’era pro un bel temp ma peui tut a l’é cambià: ël mond, la gent, miraco fin-a mi. A resto j’ arcòrd a fé arpijé la vita vers l’avnì.

Gian dij Cordòla (scritto nell’anno 2013)

¹ Pabotrì = Pratobotrile borgata montana del Comune di Condove

Nòta dl’autor: Sta conta a l’ha pija part al Concors ëd poesìa e conte curte an lenga piemontèisa “Piemont ch’a scriv 2016” bandì dal “Centro Studi Cultura e Società” ëd Turin ant ël 2016 e a l’ha avù la “Mension dla Giurìa” e stampà ant ël liber “Premi Piemont ch’a scriv 2016”, un liber për chi veul bin al Piemont, al Piemontèis, a nòsta poesìa, a nòsta tradission.

 

30 settembre 2016 Premiazione premio Piemont ch'a scriv 2016 - il diploma di menzione della giuria

30/09/2016 Il diploma di menzione della giuria

premiazione

30/09/2016 L’autore ritira il premio al concorso Piemont ch’a Scriv 2016

TRADUZIONE IN ITALIANO

Una giornata con nonno a Pratobotrile

Voglio raccontarvi una bella gita fatta con mia madre quando ero piccolo. Ecco come!

Era una mattina dell’estate 1956 al borgo dei Fiori di Condove, il sole sorgeva presto ma io ragazzo di nove anni dormivo ancora e mamma inizia a chiamarmi ad alta voce: Gianniii, svegliati, sbrigati, lavati, fa colazione in fretta e poi andiamo a trovare il nonno. Salto giù dal letto di corsa vispo come un leprotto, sono proprio contento di andare da nonno. Mi piace tanto il nonno, è sempre allegro e pieno di buonumore, ha dei grossi baffi neri, un sigaro in bocca e mi da sempre 20 o 30 lire. Lo chiamano tutti “Batìta dou Ieùn” e abita a Pratobotrile, una delle più belle borgate di Condove, proprio vicino alla cappella. Lo so che tutti i paesi son belli, ma qui ci sta mio nonno, allora questo è un po’ più bello degli altri. Da Condove piano piano con mamma mi faccio una bella passeggiata su per la montagna; entrando nei castagneti attraversiamo i Breri, Sigliodo, il Laietto e già con la lingua di fuori arrivo a vedere le prime case di Pratobotrile. Sono proprio stanco, ma una voce mi fa alzare lo sguardo, è nonno con quel viso illuminato da due occhi lucenti e il sorriso sotto i baffi. Che gioia per il nonno vedermi, mi prendeva come niente e sollevandomi non finiva più di sbaciucchiarmi, poi si è messo a chiacchierare con mamma delle novità di fondovalle mentre io giocavo a guardare le formiche in fila indiana lungo il tronco di un albero. Dopo nonno mi chiama “vieni a vedere le api”. Vicino alla casa c’è una decina di piccole casette in legno e una nuvola di api intorno che mi facevano paura, ma nonno mi dice “non muoverti e le api ti ignorano”. In quel momento passa un uomo di una borgata vicina con il viso angustiato e nonno dice “quella persona non è stata baciata dalla fortuna, già orfano è cresciuto un po’ qui e un po’ là, poi si è sposato e la moglie muore durante il parto con la creatura che aspettava e ancora non è finita, intanto che era al pascolo un giorno che pioveva un fulmine cade sulla sua mucca; ….. e cribbio……… è proprio vero, a chi nasce disgraziato gli piove sul sedere anche da seduto”. Il poveruomo era passato e dico a nonno “raccontami una bella storia” e lui iniziava con “c’era una volta una volpe ed un cane……”, era sempre la stessa ma mi piaceva ascoltarla. Il tempo scorre veloce come il vento è quasi mezzogiorno e mamma che intanto aveva preparato il pranzo ci chiama a tavola. Mi aspettava un bel fricandò (spezzatino), una toma stagionata e della buona acqua di sorgente da bere. Nonno col bottiglione in mano si riempie il bicchiere di vino e bevendo dice che così si digerisce e si tolgono i fastidi; io mi son messo a ridere. Devo raccontare di quella volta che nella cantina di Gildo del Laietto, mio nonno per vedere se il vino è buono oppure mischiato con acqua prende un osso di pesca ben secco, lo taglia a metà e ridendo sotto i baffi lo mette nel vino dicendo “se c’è dell’acqua va a fondo e poi torna su, se non c’è acqua sta sul fondo”, nella cantina tutti sghignazzavano. Dopo pranzo mentre nonno si riposava un momento, noi siamo andati lì vicino a vedere se c’erano in casa zia Gasperina e zio Antonio (sorella e fratello di mamma). Zia Gasperina era salita all’alpeggio e scendeva solo la domenica, al contrario Zio Antonio era appena tornato dal Laietto. “Ma tu sei Gianni, il più piccolo dei figli di Giuseppina, come sei diventato grande” mi ha detto abbracciandomi. Eh zio Antonio era proprio un tipo in gamba e bravo, mi faceva ridere a crepapelle tanto che non ero più capace a tirare il fiato. Dopo son tornato da nonno che mi ha portato per campi e prati a guardare la bellezza della natura. Verso le cinque ero già pronto per tornare a casa, ho abbracciato nonno e lui dal taschino ha uscito una moneta da 50 lire. Non finivo più di ringraziarlo e un po’ triste ho preso la strada di casa con mamma. È stata proprio una bella giornata che mi ha riempito il cuore di gioia. Da allora son passati 57 anni, son passati velocemente, era proprio un bel tempo ma poi tutto è cambiato: il mondo, la gente, forse anch’io. Restano i ricordi a far riprendere la vita verso l’avvenire.

Gianni Cordola